Ernesto Orrico

Attore, regista e autore teatrale

Fluxus tematico / Del teatro dello spettacolo

Fluxus tematico / Del teatro dello spettacolo

Qual è la vita media di uno spettacolo teatrale. In Italia? Nel mondo o in Calabria? Ma di che tipo di spettacolo teatrale parliamo? Quanti teatri esistono? Quanti tipi? Quanto costa mettere in piedi uno spettacolo? E quanto costa metterlo sdraiato? Comodo. Parliamo di tempo, denaro e vite umane. Quante repliche si devono considerare per definire compiuta la sua vita di spettacolo? E una volta morto può essere riesumato? E il cast rinnovato? E la regia rivoltata? Parliamo anche di uno zombie teatro. E dove devono essersi svolte le repliche? Teatri. Anfiteatri. Auditorium. Stadi. Piazze. Vicoli. Certi campetti. Certi posti strani. Certi ristoranti. Certi villaggi. Quanti attori sono necessari nel nostro allestimento tipo? E i monologhi devono essere considerati a pieno titolo spettacoli? La scenografia deve esserci? Quanta parte del budget deve essere destinata alla scenografia. Budget? Quale budget? Cos’è un budget? Buh. E se c’è solo una sedia? O quattro sedie? Torniamo agli attori. Altrimenti di che teatro parliamo? Evochiamo Gordon Craig. No. Torniamo agli attori. Quanto costa un attore al mercato degli attori. Ci sono delle bilance specifiche? Chi decide l’unità di misura? Devono gli attori essere misurati o devono avere un ego smisurato? Gli attori includono le attrici. E viceversa. Le attrici e gli attori includono. La paga. Il rimborso spese. La trasferta. Il vitto. La diaria. L’alloggio. Essi vivono. Tutto incluso. Essi sopravvivono. Come si vestono gli attori? Le scarpe sono uguali fuoriscena? Parliamo dei costumisti. Anzi no. Lasciamo la questione sullo sfondo. Fondali e quinte. Trovarobato. Ma le compagnie che vita fanno? Si dividono gli introiti. Si dividono le perdite. Cooperano i soci. Si alleano. Fanno pigna. Fanno muro. Fanno lobby. O è solo un hobby? Parliamo dell’hobby del teatro. O è amore. Amatoriale Italia. È hardcore popolare. Fare teatro è alla portata di tutti. Come il sesso. Ma c’è sesso e sesso e c’è teatro e teatro. Fare teatro è una porcata per tutti. Come il mestiere più antico. Il mestiere questo mistero. Ma nelle compagnie si fanno orge? Non ci sono più le ammucchiate di una volta. Siamo ad un teatro onanista. Si viaggia leggeri. Nelle utilitarie su e giù per la penisola. Donne e uomini a nolo in auto fittate per repliche vendute o solo prestate. Per non avere troppi pensieri. Per essere liberi. Liberi di essere artisti autori scrittori cantautori musicisti cabarettisti autonomi. Tutti drammaturghi. A scrivere la scena. A disegnare la scenografia. A dirigere la coreografia. Tutti con il dito a digitare. Prendere di qua spostare di là. Copia. Incolla. Prendi una parte di Shakespeare (che va su tutto) shakera bene con due parti di Pasolini (che aveva previsto tutto) e l’ultima parte prendila dal quotidiano (che ci ritrovi tutto). Sbobina il registrato della vicina. Prendi le urla al mercato. I rumori della lavanderia. O intervista gli attori. Cosa facevi nel tuo tempo libero durante l’adolescenza? Andavi al centro commerciale o stavi nel quartiere? Quando hai baciato la prima volta un uomo una donna un animale? Quando hai fatto sesso per la prima volta? E l’anale? Ma torniamo al principio. Qual è la vita media di uno spettacolo teatrale? Cosa occorre fare per replicare? Vincere. Convincere. Entusiasmare. Perseverare. Entrare. Supplicare. Anelare. Insistere. Reiterare. Hai preparato il video. Il teaser. Lo spot. Il frammento. L’integrale. Hai il servizio fotografico professionale. E allora cosa occorre fare? Replicare. Incontrare il pubblico. Ascoltare quel respiro. Inspiegabile. Puoi solo capire. L’essere trasparenti. L’essere nudi. Aspettare il suono delle mani. Interpretare. E cercare gli occhi. Quanti occhi possono bastare? Domande. Frasi. Connessioni. Giochi di parole. Reiterazioni. Ripetizioni. Flussi. Parliamo di formazione. No. Parliamo di professione. No. Parliamo di scritture. No. Non nominare il teatro invano. Non nominare il direttore di compagnia. Non nominare l’organizzatore. Non nominare invano. Il teatro. Non nominare l’amministratore. Non nominare il testo. Stai muto. Ingoia asciutto. È solo aria. Prepara. Rimanda. Rinuncia. Denuncia. Fai i nomi. I grandi nomi. Domande. Fasi. Disconnesse. Giochi le parole. Reiterazioni. Ripetizioni. Flussi. Tu che lavoro fai per fare teatro? Tu che prezzo paghi?

Tag:

Postato in Senza categoria da admin il luglio 22nd, 2013 alle 16:55.

Aggiungi un commento

I commenti sono chiusi.